spalla-dott.verdano

LA CALCIFICAZIONE DELLA SPALLA

E’ una patologia della spalla caratterizzata dalla presenza di depositi di sali di calcio nel tessuto tendineo.

CAUSE

Due sono le cause principali di tendinopatia calcifica:

  • Le cellule dei tendini si trasformano in cellule produttrici di calcio. In questo caso, il deposito di calcio si trova nel tendine.
  • Il tessuto tendineo, degenera e calcifica. In questo caso, il calcio si deposita in corrispondenza dell’inserzione del tendine sull’omero.

Caratteristiche del dolore:

  •      può accentuarsi durante la notte
  •      può coinvolgere il capo lungo del bicipite (la parte superiore del braccio)
  •      può essere percepito in corrispondenza della faccia anteriore o laterale della spalla
  •      non si irradia oltre il gomito e non si estende al collo
  •      si acuisce durante il sollevamento del braccio

QUALI ESAMI SONO NECESSARI?

  • radiografie (Rx): permettono di rilevare la localizzazione della calcificazione, oltre a valutare la fase della malattia
  • ecografia: permette una più precisa localizzazione e una valutazione più attenta della struttura. Molto utile nelle fasi dei controlli
  • RMN: non è utile per documentare ulteriormente la calcificazione ma può comunque evidenziare eventuali lesioni di cuffia associate.

TRATTAMENTO

Terapia medica o conservativa: può durare mediamente 1 anno o più, in caso il dolore non sia particolarmente intenso.

Obiettivo:

  •      risolvere in fase acuta lo spasmo della muscolatura
  •      ridurre il dolore
  •      prevenire la rigidità articolare

L’ortopedico può prescrivere:

  •      Terapia antalgica
 (farmaci)
  •      Ultrasuoni
  •      Ionoforesi con EDTA
  •      Manipolazioni (se associata rigidità articolare)
  •      Laserterapia
  •      Infiltrazioni di cortisonici

Terapia chirurgica:

Lavaggio per la rimozione dei depositi di calcio: l 61% dei pazienti esprime soddisfazione con questa forma di terapia.

Artroscopia: Garantisce una risoluzione dei sintomi nel 72% dei casi e una attenuazione nel 12%. Nel restante 16%, i sintomi regrediranno nel tempo seguendo un’evoluzione naturale.

 

 

 

diagnostica-per-imag

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

La diagnostica per immagini si riferisce a vari metodi non invasivi per identificare e monitorare diversi tipi di malattie attraverso la produzione di immagini che rappresentano la struttura anatomica interna e gli organi del corpo del paziente. Il Centro diagnostico Medi Saluser dispone dei seguenti metodi:

  • RADIOGRAFIA TRADIZIONALE 
    La Radiologia è una metodica di diagnostica per immagini che si fonda sull’utilizzo dei raggi X.
    Rispetto al passato, la radiologia oggi può contare sulla digitalizzazione dell’immagine che permette l’ottimizzazione della qualità, la riduzione dell’esposizione alle radiazioni ionizzanti da parte del paziente e la possibilità di gestire e archiviare con maggiore facilità gli esami eseguiti. E’ infatti possibile avere le immagini su supporti differenti che vanno dalla tradizionale pellicola a CD o DVD.
    La radiologia tradizionale comprende gli esami diagnostici in ambito viscerale, cardiopolmonare, scheletrico ed urogenitale:

    Segmenti del rachide e scheletro in toto

    Seni paranasali ed epifaringe

    Esofago, prime vie e tubo digerente completo

    Clisma opaco

  • ECOGRAFIA 

    L’ecografia è una metodica diagnostica che impiega il principio dell’emissione di eco e della trasmissione delle onde ultrasonore, pertanto non utilizza radiazioni ionizzanti.
    Si tratta di un esame che fornisce un importante supporto in numerose patologie e terapie a carico dell’organismo:

    Cavità addominale

    Mammella (quale completamento dell’esame mammografico)

    Apparato uro-genitale maschile

    Utero ed ovaie

    Tiroide

    Muscoli e tendini

    Tessuti superficiali

    Anca neonatale

  • IMMAGINI A RISONANZA MAGNETICA  (APERTA)

Si tratta di una metodica di diagnostica per immagini “non invasiva” in quanto non esposte il paziente a radiazioni ionizzanti. La risonanza magnetica utilizza infatti campi magnetici e radiofrequenze i cui segnali, una volta elaborati, ricostruiscono immagini sul piano trasversale del corpo e su piani orientati con angolazioni differenti.

La risonanza magnetica risulta particolarmente indicata per lo studio dei tessuti molli: legamenti, muscoli, organi interni, sistema nervoso e vasi sanguigni. L’esame ha una durata media di20-30 minuti.
Secondo le attuali conoscenze, in considerazione del fatto che non utilizza radiazioni ionizzanti ma  campi magnetici e radiofrequenze, l’esame di risonanza magnetica risulta completamente innocuo.
Purtroppo però,  visto che la metodica utilizza campi magnetici e radiofrequenze, non possono essere sottoposti agli esami di risonanza magnetica:

I portatori di  pace maker cardiaco;

I portatori di neuro stimolatori;

I portatori di protesi con circuiti elettrici;

Le donne in stato di gravidanza nei primi tre mesi.

La nostra apparecchiatura è di tipo “Aperto”, pertanto  il paziente non entra nel caratteristico tubo ma viene semplicemente fatto stendere su di un lettino che consente di posizionare la parte del corpo da studiare, in prossimità del magnete.  In questo modo l’esame è ben tollerato da parte di pazienti claustrofobi, ansiosi.

IL NOSTRO TEAM 

Dott. Pietro Abelli

Prof. Ermanno Bacchini / http://medisaluser.com/ermanno-bacchini/

Dott. Michele Brancati / http://medisaluser.com/michele-brancati/

Dott. Kamal Faraj / http://medisaluser.com/kamal-faraj/

Dott. Pierangelo Maccarini / http://medisaluser.com/pierangelo-maccarini/

Dott. Mario Uccelli / http://medisaluser.com/mario-uccelli/

SMART

La salute a casa Tua

MEDI SALUSER dispone di un team infermieristico esperto disponibile per un servizio qualificato a domicilio riguardante:

  • Prelievi del sangue
  • Flebo, intramuscolo ed endovena
  • Medicazioni

Per info e prenotazioni telefonare ai numeri 0521/234181 – 0521/200698